TIPOLOGIE DELLE VARIE LICENZE DI PORTO D'ARMI
e documenti necessari per la richiesta



Licenza di Porto di Fucile per uso sportivo

I documenti necessari da presentare in Questura per la richiesta di questa Licenza sono:
  • la domanda di richiesta è fatta sullo stesso modulo che serve per altri Porto d'Armi; con la richiesta specifica per questo tipo di Licenza.
  • il Certificato d Abilitazione all'uso delle armi da fuoco rilasciato dalla Sezione del Tiro a segno nazionale, o il congedo militare in data non inferiore ai 10 anni
  • due contrassegni telematici da euro 16,00 da applicare sulla richiesta e sul Porto d'Armi
  • il certificato anamnestico rilasciato dal Medico di Base da portare all'A.S.L.
  • il certificato dell'ASL da unire agli altri documenti per la richiesta
  • la certificazione in bollo da Euro 16.00 comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata dall'A.S.L. di residenza ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato
  • la ricevuta di versamento di euro 1,27 per il costo del libretto valido 6 anni, da pagarsi per il primo rilascio e al successivo rinnovo alla scadenza dei 6 anni, richiedendo all'Ufficio presso il quale si intende inoltrare la richiesta ( Polizia- Carabinieri) gli estremi del conto corrente della corrispondente Tesoreria Provinciale dello Stato

E' costituita da due documenti correlati:
Libretto Personale per Licenza di porto di Fucile
Relativa Autorizzazione

Cosa è consentito fare con questo tipo di documento?
Con questo documento si possono trasportare il fucile, la pistola o la carabina presso un Tiro a Volo o un Tiro a Segno Nazionale su tutto il territorio nazionale.
Naturalmente le armi devono essere scariche e vanno trasportare chiuse in valigetta se si tratta di pistola, o nel fodero o custodia se si tratta di fucile o carabina; se le armi sono dotate di caricatore, il medesimo non deve contenere munizioni, va tolto dall'arma e custodito nella valigetta o custodia.

Munizioni o cartucce se ne possono trasportare, per arma corta (pistola) nel numero di 200, se per carabina anche Ex ordinanza o fucile a canna liscia, fino a 1000, e vanno tenute separate dalle armi.
Durante il trasporto, se ci si ferma non si devono MAI lasciare le armi incustodite in auto o altro veicolo.
Le eventuali munizioni trasportate se lasciate in auto vanno occultate alla vista.

Con lo stesso documento si possono acquistare armi, in specifica:
  • Armi comuni n° 3
  • Armi sportive n° 6
  • Armi da caccia numero illimitato
  • Armi antiche e rare (max 8)



Licenza di Porto di Fucile per uso Caccia

I documenti necessari da presentare in Questura per la richiesta di questa Licenza sono:
  • la domanda di richiesta è fatta sullo stesso modulo che serve per altri Porto d'Armi; con la richiesta specifica per questo tipo di Licenza.
  • il Certificato d Abilitazione all'uso delle armi da fuoco rilasciato dalla Sezione del Tiro a segno nazionale, o il congedo militare in data non inferiore ai 10 anni
  • due contrassegni telematici da euro 16,00 da applicare sulla richiesta e sul Porto d'Armi
  • il certificato anamnestico rilasciato dal Medico di Base da portare all'A.S.L.
  • il certificato dell'ASL da unire agli altri documenti per la richiesta
  • la certificazione in bollo da Euro 16.00 comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata dall'A.S.L. di residenza ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato
  • la ricevuta di versamento di euro 1,27 per il costo del libretto valido 6 anni, da pagarsi per il primo rilascio e al successivo rinnovo alla scadenza dei 6 anni, richiedendo all'Ufficio presso il quale si intende inoltrare la richiesta ( Polizia- Carabinieri) gli estremi del conto corrente della corrispondente Tesoreria Provinciale dello Stato (il costo del libretto per la versione bilingue è di Euro 1,50
  • la ricevuta di pagamento della tassa di concessione regionale, fissata ogni anno dalle singole regioni
  • la ricevuta di pagamento della Tassa Governativa annuale di Euro 168,00, più un'addizionale di Euro 5.16 (come previsto dall'art.24 della legge nr. 157 dell'11 febbraio 1992);
  • il Certificato dell'avvenuto esame predisposto dalle varie Province per l'esercizio venatorio, o la dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante l'abilitazione all'attività venatoria

E' costituita da due documenti correlati:
Libretto Personale per Licenza di porto di Fucile
Relativa Autorizzazione

Cosa succede se non si paga la Tassa Governativa sul Porto d'Armi uso caccia?

Una circolare del Ministero dell'Interno del 20/05/2016 n° 557/PAS/U/008463/10100.A(1)1
Stabilisce che se non viene effettuato il pagamento della tassa annuale del Porto d'Armi per uso caccia tale documento risulta non valido ai fini dell'attività venatoria, dell'acquisto di cartucce o armi e portare l'arma fuori dalla residenza in nessun caso.
Prendere visione QUI della circolare Ministeriale dove sono specificati chiaramente i motivi di tali provvedimenti.

Se lo stesso titolare volesse tornare a cacciare, acquistare cartucce, armi e recarsi a poligoni o campi di tiro a volo dopo qualche anno, se il libretto è ancora in corso di validità (entro 6 anni dalla data del rilascio), basterà che paghi la tassa di concessione governativa per uso caccia per l'anno in corso.
Per non aver vuoti di non validità del Porto d'Armi è consigliabile pagare la Tassa Governativa nello stesso giorno e mese della data segnata sotto la fotografia o il più vicino possibile; in questo modo non vi saranno giorni nei quali il Porto d'Armi non risulterebbe valido.

Chi deve rifare l'esame di ABILITAZIONE VENATORIA?

A chi è stato REVOCATO il Porto d'Armi per uso caccia perché ha commesso illeciti durante l'attività venatoria, per riottenere il Porto d'Armi uso caccia dovrà rifare l'esame di Abilitazione Venatoria.
Cliccare QUI per vedere la Circolare Ministeriale.

ATTENZIONE, NUOVA NORMA PER LA CACCIA
Con il D.L.n. 91/2014 - All'articolo 13, comma 1, della legge 11 febbraio 1992, n. 157, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: "i caricatori dei fucili ad anima rigata semiautomatici o con caricamento manuale impiegati durante la caccia non possono contenere più di due cartucce.
Nei fulici a canna liscia con serbatoio (semiautomatici o a pompa) sono concessi massimo 2 cartucce più quella in canna"


Cosa è consentito fare con questo tipo di documento?
Con questo documento si può trasportare e portare il fucile durante l'azione di caccia, purché esso sia registrato come Arma da Caccia.
Durante la battuta di caccia un cacciatore può portare anche 2 fucili da caccia i quali possono entrambi essere tenuti fuori dalla custodia durante la battuta; ; quello non in uso va scarico.
Il suo trasporto è consentito con l'arma custodita nel fodero o custodia fino al luogo di caccia e le cartucce separate.

Con lo stesso Porto di Fucile si possono trasportare tanto il fucile che la pistola o la carabina per l'uso sportivo fino ad un T.S.N. o Poligono privato o ancora in un campo di Tiro a Volo, su tutto il territorio nazionale, senza altre autorizzazioni e con le stesse modalità del Porto di Fucile per uso sportivo, purchè sia stata pagata la tassa governativa relativa alla caccia.

Cosa dice la Legge

D.M. 28-12-1995:
Punto 1. Le licenze sono valide per sei anni.
Agli effetti delle tasse annuali si intende per anno il periodo di dodici mesi decorrente dalla data corrispondente a quella di emanazione della licenza; la tassa deve essere pagata, per ciascun anno successivo a quello di emanazione, prima dell'uso dell'arma e non è dovuta per gli anni nei quali non se ne fa uso


Durante l'uso venatorio sono consentiti solamente il porto e il trasporto delle armi registrate come armi da caccia, pertanto NON è consentito né il porto né il trasporto delle pistole di qualsiasi tipo, né di fucili calibro 22 L.R. perché non sono concessi per uso venatorio, o carabine ad aria compressa o CO2, in quanto anche queste non sono consentite per uso caccia; i fucili tipo Flibert sono consentiti solo se di calibro 9, il calibro 6 non è consentito per uso caccia (anche se si tratta di fucile), cosa improbabile perchè generalmente si tratta di revolver a 6 colpi; pertanto in ogni caso non consentiti per uso venatorio.

Non sono consentite all'uso venatorio tutte le armi di categoria B7 Clicca QUI per ulteriori chiarimenti a riguardo delle armi di categoria B7 europea, corrispondenti alla categoria C7 italiana.

Con la Licenza di Porto di Fucile per Uso Caccia si possono acquistare armi, in specifica:
  • Armi comuni n° 3
  • Armi sportive n° 6
  • Armi da caccia numero illimitato
  • Armi antiche e rare (max 8)


Porto d'Armi per difesa personale

La validità del Libretto (LIcenza) è di 5 anni, ma va rinnovato il pagamento della tassa Governativa di Euro 115,00 tutti gli anni.

I documenti necessari da presentare in Questura per la richiesta di questa Licenza sono:
  • la domanda di richiesta è fatta sullo stesso modulo che serve per altri Porto d'Armi; con la richiesta specifica per questo tipo di Licenza.
  • il Certificato d Abilitazione all'uso delle armi da fuoco rilasciato dalla Sezione del Tiro a segno nazionale, o il congedo militare in data non inferiore ai 10 anni
  • due contrassegni telematici da euro 16,00 da applicare sulla richiesta e sul Porto d'Armi
  • il certificato anamnestico rilasciato dal Medico di Base da portare all'A.S.L.
  • il certificato dell'ASL da unire agli altri documenti per la richiesta
  • la certificazione in bollo da Euro 16.00 comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata dall'A.S.L. di residenza ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato
  • la ricevuta della Tassa Governativa annuale di Euro 115,00
  • la ricevuta di versamento di euro 1,27 per il costo del libretto valido 5 anni, da pagarsi per il primo rilascio e al successivo rinnovo alla scadenza dei 5 anni, richiedendo all'Ufficio presso il quale si intende inoltrare la richiesta ( Polizia- Carabinieri) gli estremi del conto corrente della corrispondente Tesoreria Provinciale dello Stato (il costo del libretto per la versione bilingue è di Euro 1,50

E' costituito da due documenti correlati:
Libretto Personale di Porto di Pistola.
Relativa Autorizzazione.
Nell'Autorizzazione è specificato "a portare l'arma sulla persona".
La sua validità è di 5 anni previo pagamento annuale della tassa governativa di Euro 115,00.
Si rammenta che i titolari di porto di pistola o rivoltella per difesa personale sono legittimati al porto anche contemporaneo delle armi corte detenute in forza della sola denuncia, sino al numero massimo di (tre) previsto dal 6° comma dell'art. 10 della L. 110/1975, così come modificato dall'art. 4 L. 21 febbraio 1990 n. 36.
Con questo Porto d'Armi si possono acquistare tutte le armi corte o lunghe e loro rispettive munizioni come qualsiasi altro Porto d'Armi.
Questo Porto d'Armi viene autorizzato solamente in quei casi dove è valutato il suo giustificato motivo.

Cosa è consentito fare con questo tipo di Porto d'Armi?
Con questo documento si può portare l'arma sulla persona, nella fondina a cinta o ascellare; l'arma deve essere occultata alla vista di terzi.
L'esibizione dell'arma in luogo pubblico senza giustificato motivo è punibile penalmente.
L'arma può essere tenuta carica.
Non deve essere abbandonata per nessun motivo sui mezzi di trasporto o in luoghi pubblici; deve sempre seguire la persona autorizzata al suo porto.

ATTENZIONE: Le munizioni per difesa personale devono essere a palla completamente camiciata; non sono permesse munizioni con palla parzialmente camiciata, a testa cava, solamente ramate o in piombo nudo.



Licenza per Collezione d'Armi

ATTENZIONE:
Il Protocollo 557/PAS/U/002153/10171 datato 10/02/2017 chiarisce quanto segue:
non vi è imposta di bollo per l'arma/armi in detrazione dalla licenza di collezione.
L'imposta di bollo sarà dovuta solamente all'acquirente dell'arma/armi (naturalmente quest'ultimo deve essere in possesso di regolare Licenza da Collezionista per l'iscrizione dell'arma/armi contratte.

Prendere visione QUI del testo del Ministero dell'Interno Ufficio per l'Amministrazione Generale.

La licenza di collezione di armi comuni da fuoco permette la detenzione, ma non il porto, di armi corte e lunghe, in numero superiore a quello normalmente consentito (cioè 3 armi comuni da fuoco e 6 classificate sportive).
La licenza può essere rilasciata anche per una sola arma comune da fuoco.

La licenza ha carattere permanente, quindi non deve essere rinnovata ogni anno.
I documenti necessari da presentare in Questura per questa Licenza sono:
  • la domanda di richiesta è fatta sullo stesso modulo che serve per altri Porto d'Armi; con la richiesta specifica per questo tipo di Licenza.
  • l'Abilitazione all'uso delle armi da fuoco rilasciata dalla Sezione del Tiro a segno nazionale, o il Congedo militare con data non inferiore a 10 anni
  • due contrassegni telematici da euro 16,00 da applicare sulla richiesta e sulla carta
  • il certificato anamnestico rilasciato dal Medico di Base da portare all'A.S.L.
  • il certificato dell'ASL da unire agli altri documenti per la richiesta
  • la certificazione in bollo da Euro 16.00 comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata dall'A.S.L. di residenza ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato
  • la ricevuta di versamento di euro 1,27 per il costo del libretto valido 6 anni, da pagarsi per il rilascio, richiedendo all'Ufficio presso il quale si intende inoltrare la richiesta ( Polizia- Carabinieri) gli estremi del conto corrente della corrispondente Tesoreria Provinciale dello Stato

La licenza di collezione permette di detenere armi antiche, artistiche o rare di importanza storica in numero superiore a 8 cioè quelle ad avancarica e quelle fabbricate anteriormente al 1890

Se si è in possesso solamente di questo tipo di Licenza, non è ammessa la detenzione di munizioni, né il porto di tali armi.
Inoltre non è comunque possibile detenere più di un esemplare per ogni modello di arma.
Questa Licenza ha carattere permanente e NON necessita il suo rinnovo ogni 6 anni.




Nullaosta per l'acquisto di un'arma

E' costituito da un semplice foglio in carta bollata rilasciato dalla Questura.

I documenti necessari da presentare in Questura per il Nullaosta sono:
  • la domanda di richiesta è fatta sullo stesso modulo che serve per altri Porto d'Armi; con la richiesta specifica per il Nullaosta.
  • il Certificato di Idoneità al Maneggio delle Armi da fuoco rilasciato dalla Sezione del Tiro a segno nazionale; o il congedo militare non antecedente a più di 10 anni
  • un contrassegni telematico da euro 16,00 da applicare sulla richiesta
  • il certificato anamnestico rilasciato dal Medico di Base da portare all'A.S.L.
  • il certificato dell'ASL da unire agli altri documenti per la richiesta
  • la certificazione in bollo da Euro 16.00 comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata dall'A.S.L. di residenza ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato

ATTENZIONE: Questo documento ha la validità di 1 mese nel corso del quale il titolare può comprare l'arma/armi per la quale ha chiesto il nullaosta e le relative munizioni, nella misura consentita dalle vigenti Leggi; ne consente anche il trasporto dal negozio ove è stata acquistata l'arma/armi all'abitazione dove verrà detenuta.
In caso di eredità di più di un'arma ci si deve informare presso una Questura o Comando dei Carabinieri, in quanto, se non si è in possesso del Porto d'Armi, è possibile ottenere un nullaosta comprensivo per tutte le armi da ereditare, naturalmente nel rispetto della legge che determina il numero di armi detenuto consentito, cioè 3 armi comuni, 6 armi sportive, numero illimitato di armi da caccia; va da sè che se l'ereditario è già in possesso del numero massimo consentito di armi comuni e sportive, non può più detenere altre armi di questa tipologia, ma solamente quelle per uso caccia.
Per ottenere il Nullaosta si devono presentare i vari documenti medici confermanti lo stato di idoneità dell'individuo (cioè il Certificato anamnestico del medico curante da presentare all'ufficiale sanitario dell'ASL, se non in possesso del Congedo Militare effettuato anche anteriormente ma non oltre i 10 anni, o in mancanza di esso, è necessaria l'Abilitazione all'Uso delle Armi che si ottiene presso un T.S.N., la quale anche in questo caso non ha scadenza.

Cosa è consentito fare con questo documento?
Con questo documento NON è CONSENTITO né il PORTO né il TRASPORTO dell'arma; esso serve ESCLUSIVAMENTE per l'acquisto delle armi, il loro trasporto dal luogo d'acquisto fino all'abitazione e la detenzione nella propria abitazione.
Alla sua scadenza l'arma può essere detenuta regolarmente, ceduta o venduta a un titolare di Porto d'Armi in validità, Nullaosta in validità o armaiolo; l'eventuale trasporto deve essere effettuato previa autorizzazione rilasciata dalla Questura o presso la Stazione dei Carabinieri; può anche essere effettuato se accompagnati da una persona con regolare Porto d'Armi in validità.



Carta di Riconoscimento, comunemente detta "Carta Verde"

Questa carta di riconoscimento è rilasciata dalla Sezione del Tiro a segno nazionale.
Serve per praticare il tiro a segno, anche se non si è in possesso di un qualsiasi Porto d'Armi e si desidera portare la propria arma fino al poligono.
La persona che vuole esercitare il tiro a segno pertanto in questo caso deve essere iscritta a un T.S.N. o un Poligono privato.

I documenti necessari da presentare in Questura per la Vidimazione di questa Carta sono:
  • la domanda di richiesta è fatta sullo stesso modulo che serve per altri Porto d'Armi; con la richiesta specifica di Vidimazione di questa carta.
  • la carta di riconoscimento rilasciata dalla Sezione del Tiro a segno nazionale
  • due contrassegni telematici da euro 16,00 da applicare sulla richiesta e sulla carta
  • il certificato anamnestico rilasciato dal Medico di Base da portare all'A.S.L.
  • il certificato dell'ASL da unire agli altri documenti per la richiesta
  • la certificazione in bollo da Euro 16.00 comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata dall'A.S.L. di residenza ovvero dagli Uffici medico-legali e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato

Occorre anche una dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato attesti di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dalla legge, le generalità delle persone conviventi, di non essere stato riconosciuto "obiettore di coscienza" ai sensi della legge n. 230 dell'8 luglio 1998, oppure di aver presentato istanza di revoca dello status di obiettore presso l'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (Organo della presidenza del consiglio dei ministri), ai sensi della legge n. 130 del 2 agosto 2007.

La richiesta di questa carta va presentata all'Ufficio Armi della Questura o alla Stazione dei Carabinieri di zona.

Cosa è consentito fare con questo documento?
Con questo documento si può unicamente trasportare l'arma/armi dal domicilio al poligono di tiro per la strada più breve, non si possono acquistare armi o munizioni, si possono però trasportare le armi acquistate con il Nullaosta.
Il trasporto delle armi deve essere eseguito con armi scariche e nel fodero.


Carta Europea

I documenti necessari da presentare in Questura per la Carta Europea sono:
  • due contrassegni telematici da euro 16,00 da applicare sulla richiesta e sulla carta
  • la dichiarazione sostitutiva valida attestante il possesso delle autorizzazioni come il porto o il trasporto nel territorio italiano delle armi comuni da sparo, oltre all'avvenuta denuncia di detenzione, o la documentazione rilasciata dagli organi competenti
  • i dati identificativi dell'arma o delle armi, fino ad un massimo di dieci, che si intendono iscrivere sulla carta, indicando, per ognuna, tipo, marchio e modello, calibro e matricola
  • la ricevuta di versamento di Euro 0,83 per il costo della carta (che è di Euro 2,06 per la versione bilingue), richiedendo all'Ufficio territoriale competente gli estremi del conto corrente della corrispondente Tesoreria Provinciale dello Stato
  • due foto recenti, formato tessera, a capo scoperto e a mezzo busto

La Carta Europea non è altro che un'Autorizzazione ulteriore che estende la possibilità di portare e trasportare le armi sia per uso sportivo che per uso venatorio all'interno dei paesi della Comunità Europea.

Tale Carta viene rilasciata a chi è già in possesso di Licenza di Porto d'Armi in corso di validità; la sua validità è legata alle Licenze a cui si riferisce e comunque non può mai superare i 5 anni.
Su questa Carta devono essere registrate le armi per le quali è concesso il porto e il trasporto.
La richiesta di questa Carta va indirizzata al Questore e presentata al Commissariato di Zona o in mancanza alla Stazione dei Carabinieri competente per territorio.






Nel Mirino non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner pubblicitari e pop-up automatici; se ne vedi, sappi che non è per nostra volontà.
Blocca la pubblicità sul tuo browser
Non sai come eliminare qualsiasi pubblicità automatica dal tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.




PAGINE UTILI IN QUESTO SITO

Cosa è il Porto d'Armi

L'Abilitazione all'uso delle Armi

Certificato Medico Porto d'Armi

Cause del Diniego del Porto d'Armi

                                                                                                      Sito aggiornato a