CARICA E RICARICA DELLE CARTUCCE
Principali cause di incidenti gravi


Cominciamo col dire che la differenza tra carica e ricarica consiste nel bossolo.

LA CARICA DELLE CARTUCCE DA CACCIA O DA TIRO A VOLO
La carica delle cartucce è prettamente eseguita nelle munizioni dei fucili a canna liscia da caccia, la quale è contemplata anche dalla specifica legge che consente l'acquisto di polvere da sparo in misura di 5 chilogrammi se in possesso del Porto d'Armi oltre all'acquisto di bossoli, apparecchi di innesco, borre, pallini o pallettoni ecc. questi ovviamente in libera vendita per la carica specifica di queste cartucce.
Come si può notare si parte totalmente dal nuovo; bossolo, pallini, polvere, apparecchio d'innesco e borra.
La cosa che differenzia la carica dalla ricarica è che in questo caso il bossolo è nuovo; tutto il resto, ovviamente, è nuovo per forza di cose.

Alcuni cacciatori da sempre si dedicano alla carica delle loro cartucce; lo fanno per esigenze diverse nello sport venatorio o per il tiro a volo o ancora per la semplice soddisfazione di creare una cartuccia personalizzata, e fin qui tutto bene, anche perché l'esperienza in questo senso è lunga di anni e generalmente viene tramandata da padre in figlio.

LA RICARICA DELLE MUNIZIONI PER PISTOLA O REVOLVER
Per la ricarica delle cartucce si utilizza un bossolo riciclato, cioè che è già stato utilizzato, mentre tutto il resto del materiale anche qui per forza di cose è nuovo.

Ai nostri giorni si ricaricano le munizioni per pistole o revolver di tutti i calibri con una facilità estrema, seguiti da "esperti ballistici" (con due "elle") che non solo lasciano molto desiderare, ma pensano di essere maestri e invece sono solamente dei pappagalli copia-incolla che vendono gli errori altrui, inconsapevoli di farli propri.
O peggio ancora si viene consigliati da quei tipi che si incontrano nei poligoni, sempre prodighi di consigli anche se non richiesti, che con aria di maestri d'armi credono di fare colpo sui poveri ignari alle prime armi, raccontando balle.
Sono gli stessi tipi che si incontrano nei forum e che sfoggiano paroloni e teorie varie che forse non hanno neanche capito loro; il consiglio è di evitare di dare per scontato tutto quello che si sente in giro, almeno prima di aver ascoltato "altre campane".

ATTENZIONE:
Chi si ricarica questo tipo di munizione deve rispettare in ogni caso il numero di detenzione consentito delle cartucce caricate.
Le cartucce ricaricate da privati NON possono essere vendute a terzi, perchè non risulterebbero registrate.

LE CAUSE D'INCIDENTE
Per la sicurezza del tiratore, la parte più importante di una munizione è il bossolo, questo può veramente creare seri problemi e a volte ferite irrimediabili e infatti una delle principali cause di incidenti dipende proprio dall'utilizzo di cartucce ricaricate.

Per ciò che riguarda la pericolosità del loro utilizzo, ricordate che la causa sta proprio nel bossolo e più precisamente nella sede dell'apparecchio d'innesco: infatti anche se il bossolo viene ricalibrato, altrettanto non è per la sede d'innesco.
La sede d'innesco è importante in quanto è la parte del bossolo che riceverà una sollecitazione di forza contraria durante lo sparo, pertanto se dovesse cedere l'innesco perché troppo lasco o perché fosse rovinata la sede nell'interno cosa succederebbe?
Semplice: sia nelle pistole semiautomatiche, sia nei revolver il bossolo, perderebbe la pressione di spinta dal fondello, facendo sì che il proiettile sia spinto più debolmente, con alta probabilità che si incastri nella canna; in questo malaugurato caso si produce una forza contraria che fa esplodere l'arma in faccia al tiratore.

Appare quindi più che evidente che la ricarica è sempre un'incognita, perché si avranno munizioni nuove solamente nella polvere e nel proiettile, ma di seconda mano nel bossolo; se poi si pretende di ricaricarle più volte i problemi aumentano esponenzialmente.

Recuperare indiscriminatamente bossoli vuoti nei poligoni è una cosa da non fare mai: infatti non si sa quante volte sono stati ricaricati e il problema di un'esplosione dell'arma è assai probabile.
Se volete proprio ricaricare, è consigliabile recuperare solo i propri bossoli in modo da sapere almeno quante volte sono stati ricaricati e si è sicuri anche che sono stati sparati con la stessa arma; sembrerebbe una cosa da niente, ma tutto questo è molto importante.

Molti si fidano di quanto detto da un amico, ma non solo, anche certi "esperti" che fanno corsi per l'apprendimento della ricarica dicono castronate e poi chi le mette in atto è fortunato se non si fa male o se distrugge l'arma.

Il bossolo recuperato e poi ricaricato può avere dei problemi; l'espansione dei gas di spinta può aver reso il bossolo debole, o aver prodotto microfratture invisibili a occhio nudo e causare una pressione molto maggiore nella camera di scoppio, con conseguenze disastrose.







Pertanto il risparmio che si può avere nella ricarica di cartucce, a volte si può trasformare , nei migliori dei casi nella distruzione dell'arma, e nel peggiore dei casi in un grave incidente per il tiratore.
Se si hanno problemi di costi, piuttosto che rischiare l'incolumità è meglio sparare meno, ma con cartucce nuove di fabbrica, che senza dubbio sono più controllate o al limite garantite.




Nel Mirino non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner pubblicitari e pop-up automatici; se ne vedi, sappi che non è per nostra volontà.
Blocca la pubblicità sul tuo browser
Non sai come eliminare qualsiasi pubblicità automatica dal tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.




PAGINE UTILI IN QUESTO SITO

DETENZIONE MUNIZIONI

Cause di esplosione delle armi ad AVANCARICA



Altre cause di incidenti
Molti incidenti si verificano anche durante l'uso di cartucce inesplose che poi si ritenta di far partire.
Non bisogna MAI tentare di far ripartire un colpo inesploso.
Possono essere molte le cause che potrebbero creare problemi, una delle quali è la foratura dell'apparecchio d'innesco o il suo cedimento laterale prodottosi durante la prima percussione.
Ogni tanto è meglio controllare lo stato del percussore e verificare se è scheggiato, ma essendo nascosto molti non fanno.

La legislazione
Il Italia non esiste una legge che regolamenta la ricarica, a differenza di quanto avviene in altri Paesi europei .
Da noi le norme si limitano a definire il quantitativo massimo di polvere da sparo detenibile: 5 Kg. di polvere, compresa quella già contenuta nelle cartucce preparate o acquistate.



Cartucce da caccia
dei fucili a canna liscia

Nei fucili da caccia a a canna liscia si effettua solamente la carica; infatti non vengono recuperati i bossoli, ma si parte sempre da bossoli nuovi e la loro chiusura è tutto un altro sistema; basta pertanto conoscere in modo perfetto le dosi della polvere e porre cura sia nella borra che nella chiusura e i problemi sono pochi.




                                                                                                      Sito aggiornato a