REVOLVER E PISTOLE STRANE

La fantasia dell'uomo non ha limiti, il perchè sono state costruite questre strane pistole è anche semplice da comprendere, si cercava di avere un'arma molto occultabile che servisse per difesa personale.
Naturalmente queste che presento è solo una piccolissima parte delle pistole strane, assai più lunga è la lista di queste armi; ma le piccole armi facili da occultare sono sempre state costruite.
Già nel medioevo si costruivano piccoli stiletti a volte con lama divaricabile per infliggere ferite mortali, comunque di facile occultamento per difesa personale, ma spesso queste armi sono servite anche per attentati o congiure.

Una piccola dimostrazione della fantasia degli armaioli


Pistola a tamburo ad avancarica con innesco ad acciarino.
Mi lascia dubitare molto del suo funzionamento, ritengo che fosse anche molto pericolosa da usare, in quanto durante lo sparo potevano innescarsi anche le altre cariche e vi lascio immaginare cosa sarebbe successo.





Nel 1882 l'inglese Jacques Turbiaux inventò la pistola Protector Palm, prodotta in Francia e commercializzata come la Gauloise o Merveilleux Magazine Pistol e venduta con successo fino al 1890. Pistola con caricatore rotante molto complesso, ma nello stesso tempo funzionale, arma molto occultabile, efficace solo a corto raggio come tutte le pistole tascabili.






Il torinese Catello Tribuzio brevettò nel 1889 quest'arma semiautomatica; molto popolare in Francia e in Spagna ove su licenza venne fabbricata.
Il suo utilizzo si basa solamente sull'azione muscolare de dito infilato nell'anello, con otturatore dotato di estrattore del bossolo sparato e di percussore a scatto a fine corsa.
L'arma è composta di una canna lunga circa 2" costruita al suo esterno in due diametri diversi per aumentare la robustezza; il castello contiene un serbatoio verticale con capacità di quattro cartucce; quest'arma reca il marchio del fabbricante "Pistola lampo Brevetto di Tribuzio.



Molto simile alla pistola italiana Tribuzio, si tratta della pistola Gauloise calibro 8 di fabbricazione francese, prodotta dalla Fabrique Manufacture Francaise St. Etienne.
L,arma è composta di una canna lunga 2", il castello contiene un serbatoio verticale con capacità di cinque cartucce, il suo utilizzo anche in quest'arma si basa solamente sull'azione muscolare della mano, con otturatore dotato di estrattore del bossolo sparato e di percussore a scatto a fine corsa.
.






Ecco un altro esemplare di pistola da pugno, non sono conosciute (almeno a me) le caratteristiche tecniche ma credo sia di difficile maneggio, comunque fa parte delle stravaganze in fatto di armi.










Praticamente una pistola con doppia utilità in poche parole una nocchiera con pistola incorporata, molto scomoda da usare come pistola, più che altro fa bella figura.











Pistola calibro 6 Flobert a colpo singolo di fabbricazione tedesca fine 800 denominata "spaventa cani o ammazza gatti".
Veniva usata dai postini in bicicletta per tenere lontani i cani; era anche denominata pistola delle prostitute, che la usavano per difendersi da eventuali rapinatori.
Non presenta punzoni o segni distintivi che ne qualifichino la fabbrica di produzione.




       




Nel Mirino non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner pubblicitari e pop-up automatici; se ne vedi, sappi che non è per nostra volontà.
Blocca la pubblicità sul tuo browser
Non sai come eliminare qualsiasi pubblicità automatica dal tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.




                                                                                                      Sito aggiornato a