LEGITTIMA DIFESA
...la storia è sempre stata scritta dai sopravvissuti...

La priorità assoluta è difendere l'incolumità fisica di se stessi e della propria famiglia a qualsiasi costo e con qualsiasi mezzo disponibile al momento solamente se si è minacciati di aggressione; questo diritto è sancito da una legge ancestrale di sopravvivenza di tutto il genere umano e animale da sempre.

Nessuno può negare questo diritto; lo negherebbe anche a se stesso rimanendone vittima.




Differenza tra PAURA, TERRORE e CORAGGIO


Bisogna fare una distinzione tra PAURA e TERRORE; la paura è una difesa naturale di ogni uomo saggio e serve a valutare se vi è pericolo in modo da prevederlo e evitarlo.

LA PAURA
Chi esorta altri a non aver paura, non si espone mai di persona o è ben difeso; la gran parte delle volte lo dice perché ha dei secondi fini (come interessi personali o speculativi), ma non si preoccupa di certo dell'incolumità e della salute del prossimo; pertanto è meglio non dargli retta e ragionare con la propria testa valutando sempre la situazione prima di finire nei guai.
Chi dice di non aver paura non è saggio ma solamente sprovveduto o bullo, di conseguenza incline a mettersi nei guai non essendo capace di ponderare, prevedere e prevenire eventuali pericoli gravi.

IL TERRORE
E' patologico e bisogna saperlo vincere; in genere prende quelle persone psicologicamente deboli bloccandole totalmente impedendogli ogni reazione logica, causando quasi sempre gravissime e irrimediabili conseguenze; solo la calma, la razionalità e una buona preparazione agli eventi improvvisi possono evitare di cadere nel terrore e commettere gravi errori.

IL CORAGGIO
Il coraggio è un'arma potentissima di cui pochissime persone ne dispongono e al giorno d'oggi è merce veramente rara, si preferisce L'INDIFFERENZA (prerogativa dei VIGLIACCHI) della quale ne è pieno il mondo e che non serve a niente se non a peggiorare le cose.
Il coraggio è necessario quando nel frangente grave si deve prendere una decisione in pochi istanti; per fare ciò ci vuole una capacità di pensiero veloce, decisione e in certi casi abnegazione, quest'ultima si può trovare ancora molto forte fra gli animali per difendere la prole, ma quasi assente nell'uomo (la mente è come il paracadute, serve solamente se riesce ad aprirsi).




Le disposizioni sono ancora le stesse


La nuova proposta non è in vigore:
dovrà prima passare per la sua approvazione al Senato, firmata dal Presidente della Repubblica e apparire sulla Gazzetta Ufficiale per essere applicabile.

La legge attuale è già più che sufficiente a garantire una Legittima Difesa equa; se il cittadino la legge bene e si attiene alle regole e il giudice l'applica con vero giudizio a protezione degli onesti cittadini aggrediti non ci possono essere né errori di giudizio né problemi di nessuno tipo.

Ed è meglio rimanga tale piuttosto di avere poi una legge ridicola, contorta e priva di giudizio solo fatta da politicanti ignoranti per contrasti di colore, ma incolcludente e magari ancora più interpretabile a piacimento di qualcuno.
In pratica se si vuole avere ragione nell'uso delle armi (siano esse proprie o improprie) contro la delinquenza è evidente si debba sempre provare che vi è stato tentativo grave, armato o non (dipende dal numero degli aggressori), di nuocere all'incolumità della persona aggredita (a buon intenditor poche parole).

Uno sparo in aria fatto con arma vera è sempre un avvertimento chiaro per il malvivente che lo fa desistere.



Leggete bene la legge per non cadere nell'eccesso di difesa
ricordate sempre:la legge non ammette l'ignoranza


Di seguito le modifiche richiamate nel comma 2° dell'art. 52 C.P.

LEGGE 13 febbraio 2006, n.59 - Modifica all'articolo 52 del codice penale in materia di diritto all'autotutela in un privato domicilio - G. Uff. n. 51 del 2-3-06

La legge ha aggiunto un secondo e terzo comma al testo dell'art. 52 del Codice penale, che ora è formulato come segue:

Art. 52 C.P. - Legittima difesa
  • 1. Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all'offesa.
  • 2. Nei casi previsti dall'articolo 614, primo e secondo comma, sussiste il rapporto di proporzione di cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un'arma legalmente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:
    a) la propria o altrui incolumità;
    b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d'aggressione (questo paragrafo mette in evidenza che se non vi è pericolo di aggressione, ma solamente tentato furto e il ladro si da alla fuga, se si reagisce con le armi sparando all'aggressore si è accusati di eccesso di difesa;

  • 3. La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all'interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un'attività commerciale, professionale o imprenditoriale."




Nel Mirino non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner pubblicitari e pop-up automatici; se ne vedi, sappi che non è per nostra volontà.
Blocca la pubblicità sul tuo browser
Non sai come eliminare qualsiasi pubblicità automatica dal tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.




PAGINE UTILI IN QUESTO SITO

DIFENDERCI IN CASA E IN STRADA

COMPORTAMENTO E FACOLTA'
dei possessori di armi nella proprietà privata


UN'ARMA PER DIFENDERCI
CON GIUDIZIO




DIFENDIAMOCI CON LA TECNOLOGIA





Questi filmati evidenziano l'utilità delle telecamere se si è in casa e pertanto a rischio di aggressioni improvvise, in modo da avere il controllo di tutto il perimetro della casa senza essere visti; questo garantisce di non avere uno scontro sia diretto che imprevisto con il malvivente senza essere preparati e nello stesso tempo la possibilità dell'elemento sorpresa sempre a nostro favore; oltre a una testimonianza tangibile nel caso di legittima difesa.

Un consiglio prezioso

Non ha importanza se nel filmato si riconoscono o meno i ladri, l'importante è che vengano ripresi nel loro tentativo di intrusione e questo sia dimostrabile.
Si raccomanda pertanto di conservare il filmato trasferendolo nel computer, portatene una copia ai Carabinieri e fatevi fare un verbale di acquisizione e conservatelo.
Questo comprova che il ladro avendo desistito dall'intrusione il proprietario non ha dovuto intervenire in nessun modo, dimostrando che si è rispettata l'attuale legge sulla legittima difesa.
Un domani che per disgrazia avvenga che il proprietario debba difendersi anche con le armi perchè aggredito, potrà sempre dimostrare grazie ai filmati precedenti e al verbale di acquisizione che finchè non vi è stato necessità nel difendersi il suo comportamento è sempre stato corretto.
Imparate a strumentalizzare gli eventi come fanno i politici e vincerete non solo le battaglie ma anche le guerre.

I dissuasori passivi anche inventati e autocostruiti offrono molte possibilità; più sono fantasiosi più funzionano, l'imprevedibilità non piace a nessuno tantomeno ai delinquenti.

                                                                                                      Sito aggiornato a