COME POSSONO COMPORTARSI I POSSESSORI DI ARMI
all'interno della loro proprietà privata se recintata





Cose da sapersi
CODICE DI PROCEDURA PENALE
ART. 380 ARRESTO IN FLAGRANZA DI REATO


Art. 382. Stato di flagranza.

1. E' in stato di flagranza chi viene colto nell'atto di commettere il reato ovvero chi, subito dopo il reato, è inseguito dalla polizia giudiziaria, dalla persona offesa o da altre persone ovvero è sorpreso con cose o tracce dalle quali appaia che egli abbia commesso il reato immediatamente prima.

2. Nel reato permanente lo stato di flagranza dura fino a quando non è cessata la permanenza.

Art. 383. Facoltà di arresto da parte dei privati.

1. Nei casi previsti dall'articolo 380 ogni persona è autorizzata a procedere all'arresto in flagranza, quando si tratta di delitti perseguibili di ufficio.

2. La persona che ha eseguito l'arresto deve senza ritardo consegnare l'arrestato e le cose costituenti il corpo del reato alla polizia giudiziaria la quale redige il verbale della consegna e ne rilascia copia.



Sempre nel pieno rispetto dell'attuale Legge sulla Legittima Difesa il cittadino in possesso di armi da fuoco nella sua proprietà privata dove eventuali estranei non abbiano libero accesso, può comportarsi come segue:

anche se il possessore di armi non ha il Porto d'Armi e ha acquistato regolarmente l'arma con Nullaosta; nel luogo dove le armi sono state denunciate, sia dentro all'abitazione che nelle sue adiacenze se cintate senza la possibilità che estranei vi abbiano libero accesso e vi è la presenza del proprietario o di altra persona adulta non dedita all'alcol, stupefacenti, con turbe spichiche, non capaci di intendere e volere o minori, l'arma/armi destinate alla difesa abitativa possono essere tenute fuori dall'armadio blindato o cassaforte, portate sulla persona anche non occultate, cariche e pronte all'uso.

Uno sparo in aria fatto con arma vera è sempre un avvertimento chiaro per il malvivente che lo fa desistere.

I famigliari adulti (compreso il coniuge), una volta eruditi al maneggio e uso delle armi dal proprietario delle stesse, ne possono disporre in caso di necessità anche senza essere in possesso dell'Abilitazione all'uso delle Armi, del Porto d'Armi o Nullaosta e senza la presenza del loro legittimo proprietario.
Le armi vanno messe in luogo sicuro contro i furti o alla portata delle persone in qualche modo non capaci come sopra, solamente se non vi è presenza di alcuna persona adulta capace nell'abitazione, cioè sono incustodite anche solo momentaneamente; in questo caso un armadio blindato o cassaforte garantiscono a sufficienza la custodia delle medesime.
L'obbligo di custodia non riguarda le parti di armi; anche l'arma privata di una parte essenziale al suo funzionamento non richiede un particolare dovere di custodia; ma comunque è doveroso porre sempre attenzione in modo che nell'eventualità non possa essere rubata, perchè in questo caso scatterebbe la mal custodia di arma.
Le munizioni di riserva non inserite nell'arma e l'eventuale polvere da sparo per ricarica vanno tenute in ogni caso in luogo sicuro e non alla portata di estranei, minori ecc.



Alcuni consigli utili

Per segnalare il confine della vostra proprietà privata l'unico cartello utile di avvertimento verso terzi è il cartello a fianco.
Questo avviso serve per poter allontanare con pieno diritto persone non desiderate come venditori abusivi, zingari e specialmente gente sconosciuta in avanscoperta che eventualmente invadono accessi privati, senza che questi ultimi possano accampare la scusa di non sapere che si trattava di proprietà privata.

I cartelli con la scritta "Attenzione zona videosorvegliata" non sono obbligatori se le telecamere non riprendono proprietà pubbliche.
In ogni caso è meglio mettere le telecamere o le sirene in modo visibile e nessun cartello, i ladri a queste cose ci stanno già attenti, meglio non metterli in preavviso dandogli magari il tempo di prepararsi.
La sorpresa di scoprirlo all'ultimo momento crea sempre fastidio e incertezza facendo desistere maggiormente un'eventuale intrusione.

NON mettete MAI cartelli con scritte o figure minacciose come quello a fianco su cancellate o recinzioni, oltre ad essere inutili rivelano solamente la vostra paura possono istigare a comportamenti aggressivi i malviventi.
Oltre tutto capitasse la necessità di difendervi con le armi un cartello di questo tipo può essere inteso da qualche giudice come una premeditazione.
Nessuno deve sapere come la pensate e quali sono le vostre potenzialità; in questo modo potrete sempre difendervi sia contro gli aggressori sia in tribunale.
Il dubbio e l'ignoto non piacciono ai delinquenti, anche loro hanno paura di rimetterci l'incolumità.





Nel Mirino non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner pubblicitari e pop-up automatici; se ne vedi, sappi che non è per nostra volontà.
Blocca la pubblicità sul tuo browser
Non sai come eliminare qualsiasi pubblicità automatica dal tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.




PAGINE UTILI IN QUESTO SITO

LEGITTIMA DIFESA

CONSIGLI PER DIFENDERCI
IN CASA E IN STRADA


UNA CARTUCCIA CHE PERMETTE
DI DIFENDERCI
CON GIUDIZIO


L'ARMADIO BLINDATO PER ARMI



DIFENDIAMOCI CON LA TECNOLOGIA





Questi filmati evidenziano l'utilità delle telecamere se si è in casa e pertanto a rischio di aggressioni improvvise, in modo da avere il controllo di tutto il perimetro della casa senza essere visti; questo garantisce di non avere uno scontro sia diretto che imprevisto con il malvivente senza essere preparati e nello stesso tempo la possibilità dell'elemento sorpresa sempre a nostro favore; oltre a una testimonianza tangibile nel caso di legittima difesa.

Un consiglio prezioso

Non ha importanza se nel filmato si riconoscono o meno i ladri, l'importante è che vengano ripresi nel loro tentativo di intrusione e questo sia dimostrabile.
Si raccomanda pertanto di conservare il filmato trasferendolo nel computer, portatene una copia ai Carabinieri e fatevi fare un verbale di acquisizione e conservatelo.
Questo comprova che il ladro avendo desistito dall'intrusione il proprietario non ha dovuto intervenire in nessun modo, dimostrando che si è rispettata l'attuale legge sulla legittima difesa.
Un domani che per disgrazia avvenga che il proprietario debba difendersi anche con le armi perchè aggredito, potrà sempre dimostrare grazie ai filmati precedenti e al verbale di acquisizione che finchè non vi è stato necessità nel difendersi il suo comportamento è sempre stato corretto.
Imparate a strumentalizzare gli eventi come fanno i politici e vincerete non solo le battaglie ma anche le guerre.

I dissuasori passivi anche inventati e autocostruiti offrono molte possibilità; più sono fantasiosi più funzionano, l'imprevedibilità e l'ignoto non piace a nessuno tantomeno ai delinquenti.

                                                                                                      Sito aggiornato a