COME USARE CORRETTAMENTE I CARICATORI
Come evitare di rovinarli




I caricatori sia delle pistole semiautomatiche che dei fucili sono la parte più delicata e più importante dell'arma; senza caricatore un'arma semiautomatica diventa a colpo singolo e allora è finito lo scopo.
Sono costruiti in lamierino e temono gli urti, se cadono a terra si possono perdere, per la fretta pestarli e rovinarli, o sporcarsi nell'interno di terra o sabbia compromettendo il loro funzionamento, ma non solo: nel reinserimento corpi estranei potrebbero raggiungere e danneggiare altre parti dell'arma inceppandola.
Oltretutto i caricatori hanno un costo non indifferente e quelli di certe pistole (tipo la Beretta 76) sono quasi introvabili.

Cose da non fare MAI
Molti usano i caricatori in modo davvero impressionante; ho assistito al loro innesto nelle pistole semiautomatiche fatto non da persone inesperte, ma da quelli che si definiscono "istruttori", in maniera non solo errata, ma veramente orribile.
Costoro raccomandano per esempio di dare un bel colpo forte per innestare il caricatore nella pistola.
Peggio ancora, al cambio del caricatore quello vuoto si lascia cadere a terra; il fatto è che se un istruttore sbaglia e fa scuola ad altri istruttori, vi sarà un copia incolla e si continuerà a ripetere sempre gli stessi errori.

Uso corretto del caricatore
Il caricatore va spinto nella sua sede in modo dolce e uniforme come si vede dal filmato; non va spinto in sede con un colpo forte, come asseriscono molti istruttori.
Questo anche per sentire se è avvenuto lo scatto di arresto e per evitare di rischiare di danneggiare le labbra cioè la parte del caricatore che trattiene le cartucce.
Questa parte è delicata e importante, pertanto il caricatore non va neanche fatto cadere a terra, non come nelle fiction poliziesche, dove li sbattono via per la fretta di ricaricare; se si piegano anche di pochissimo le labbra o si bollano i fianchi la pistola può incepparsi perché la cartuccia non viene spinta in modo corretto verso lo scivolo della camera di scoppio.
Oltre a perderlo e non poterlo più avere a disposizione in caso si protragga l'azione, se buttiamo via tutti i caricatori ogni volta con che cosa ricaricheremo la nostra arma?

Bisogna però distinguere almeno due casi diversi di situazione da contrastare.
  • Primo caso, difesa personale: in questo caso non si protrae a lungo lo scontro a fuoco, anzi è così breve che ci va bene se riusciamo ad estrarre e sparare per primi, pertanto due caricatori non servono, tanto i colpi che si spareranno li contiamo sulle dita di una mano.

  • Secondo caso: riguarda uno scontro a fuoco per esempio durante la cattura di soggetti collegati alla criminalità organizzata; in questo caso anche più di due caricatori possono essere indispensabili perché non si conosce il numero degli aggressori, però in questo caso non bisogna mai terminare completamente un caricatore, ma sostituirlo prima di esporsi di nuovo al fuoco contrario.
    Così facendo l'arma rimane ancora con il colpo in canna che potrebbe servire in caso di emergenza e allo stesso tempo si avranno ancora munizioni disponibili nei caricatori di riserva.
    Pertanto lasciar cadere a terra il caricatore vuoto è una grande stupidata che va bene se si vuole fare i bulli come nei telefilm.



Cambio del caricatore: come fare e come NON fare


Inserimento del caricatore: modalità corretta


Come si inseriscono le cartucce nel caricatore
L'inserimento delle cartucce in un caricatore va fatto in modo corretto come si vede dal filmato, in modo da non deformare le labbra e non segnare l'elevatore, che di norma è in materiale sintetico.
E' utile (nei caricatori dove questo è possibile), con il pollice della mano che tiene il caricatore, spingere verso il basso l'elevatore quel tanto che basta per facilitare l'entrata della cartuccia.
In questo modo si ottiene anche un caricamento più veloce senza danneggiare o rigare nessuna parte del caricatore.


Inserimento delle cartucce nel caricatore


Lubrificazione del caricatore
Il caricatore non deve assolutamente essere lubrificato con grasso di nessun tipo; se non si ha a disposizione altro, meglio non lubrificarlo, altrimenti si impasta e l'elevatore non scorrendo nel modo corretto ritarda l'avanzamento della cartuccia, col rischio di inceppare l'arma, cosa poco auspicabile, specialmente se si è in azione reale.
Il modo giusto di lubrificarlo è usare pochissimo olio per armi non viscoso (meno di un velo) dato con cura nella parte interna dove scorre l'elevatore e allo stesso modo sulla faccia di scorrimento esterna, quella con la finestrella di aggancio.
Bisogna anche lubrificare nello stesso modo il nottolino di aggancio nell'interno dell'impugnatura usando un cotton-fioc; questo farà sì che non vi sia troppo attrito prodotto proprio dal nottolino di aggancio durante l'inserimento del caricatore.

Un consiglio
Chi è costretto a lasciare il caricatore per lungo tempo carico, cosa che capita alle Forze dell'Ordine o chi porta l'arma per difesa personale è buona norma non immettere nel caricatore (sia normale che bifilare) tutte le cartucce che può contenere, ma metterne semplicemente due in meno; questo preserverà la molla da eccessivo schiacciamento con conseguente indebolimento della stessa.
Questo vale specialmente per il caricatore di riserva, in ogni caso nell'eventualità di uno scontro a fuoco improvviso (da mai augurarlo a nessuno), non si sparano mai tanti colpi, ma sempre che ci sia il tempo, pochi e giusti, solo così ci si salva la pelle.
Ricordiamoci sempre che quando siamo nella realtà le cose cambiano di parecchio perchè anche l'aggressore spara sul serio.
Nel caso invece si debba intervenire in una azione programmata dove si teme uno scontro a fuoco ci si preoccuperà di riempire tutti i caricatori prima dell'azione, così non avrete mai problemi di inceppamenti o mancate esplosioni.





Nel Mirino non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner pubblicitari e pop-up automatici; se ne vedi, sappi che non è per nostra volontà.
Blocca la pubblicità sul tuo browser
Non sai come eliminare qualsiasi pubblicità automatica dal tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.




                                                                                                      Sito aggiornato a