ARMI BIANCHE PROPRIE, RIPRODUZIONI
e attrezzi vari da lavoro





Le Armi Bianche sono suddivise in tre categorie; armi autentiche storiche, artistiche, rare, armi bianche militari di qualsiasi tipo e le loro riproduzioni.




LE ARMI BIANCHE ANTICHE, ARTISTICHE, RARE
e quelle militari di ogni tipo vanno denunciate


Per l'acquisto e la detenzione di tutte le armi bianche militari con filo tagliente, punta acuminata e le armi contundenti vanno denunciate.
Stessa cosa se si tratta di armi autentiche Antiche, Artistiche e Rare; in più necessita la documentazione che comprovi la provenienza; nessuna di queste armi è di LIBERO PORTO.
Come le seguenti:
  • armi da punta e taglio come: spade, fioretti, pugnali, ascie, alabarde, bastoni animati, baionette ecc.
  • armi contundenti come: mazze ferrate, mazze snodate nocchiere ecc

L'acquisizione di spade o fioretti da parata prive di filo tagliente o punta acuminata NON necessitano di Licenza, Nullaosta o denuncia, sono di libera detenzione ma NON di libero porto.

Prendere visione QUI della circolare dello Stato Maggiore dell'Esercito.




LE RIPRODUZIONI DI ARMI BIANCHE
NON vanno denunciate


Prive di filo tagliente e punta acuminata sono di libera vendita e detenzione ma nessuna è di LIBERO PORTO.

Come le seguenti:
spade, sciabole, catane, scimitarre ecc.
Le riproduzioni di armi bianche usate nelle rievocazioni storiche (se simulacri) possono essere PORTATE con l'autorizzazione di P.S.




ATTREZZI DI USO COMUNE E DA LAVORO
NON vanno denunciati


Sono di libera vendita e libero trasporto e uso se sufragati dalla necessità palese per svolgere lavori per cui sono indispensabili.
Come: tutti gli attrezzi da taglio domestici; coltelli da cucina o per uso professionale da macellaio o tappezziere e tutti gli attrezzi in genere come, rasoi, taglierini, asce, accette, roncole, maceti, mannaie, falci ecc.

Se questi attrezzi vengono usati in esercizi pubblici es. nelle macellerie, negozi alimentari, bar, barbieri ecc. il proprietario dell'esercizio deve possedere anche la Licenza di P.S.



ATTREZZI PER USO SPORTIVO

COLTELLI PER USO VENATORIO: NON OCCORRE DENUNCIARLI
I coltelli per uso venatorio possono essere detenuti e TRASPORTATI se motivato palesemente il loro uso, ma non PORTATI; ne è consentito il PORTO solamente al cacciatore in possesso del regolare Porto d'Armi in corso di validità (con Tassa Governativa pagata) durante l'azione venatoria.



COLTELLI PER USI PARTICOLARI: NON OCCORRE DENUNCIARLI

ATTENZIONE: La legge attuale non permette in nessun caso il porto di qualsiasi coltello, temperino o taglierino (non vi è una misura minima di lunghezza per quanto riguarda la lama) se non vi è giustificato motivo.

Nello sport praticato dai sub è previsto il porto e il trasporto di coltelli particolari anche se a doppio taglio o con seghettatura sul dorso (i quali potrebbero essere catalogati come pugnali), perché vi è giustificato motivo per sicurezzapersonale durante le immersioni.

Altro tipo di coltello del quale è consentito il porto e il trasporto è il coltello usato dai cercatori di funghi, in quanto è previsto dal regolamento per la loro raccolta.

Il coltellino moltiuso esempio quello svizzero, ne è consentito il porto e il trasporto a qualsiasi persona se ne può provare il giustificato motivo, in quanto può servire a diversi usi, è da considerarsi un attrezzo tattico di sopravvivenza utile in diverse occasioni (campeggio, trekking, alpinismo, pesca ecc,.

I coltelli di qualsiasi misura che possiedano il blocco della lama o meno (opinel), sono da considerarsi attrezzi da lavoro come pure i coltelli per innesto o i taglierini, perché anche questi pur non avendo punta sono molto taglienti; pertanto possono essere trasportati e portati se vi è giustificato motivo, esempio da agricoltori, tappezzieri ecc. ma ne è vietato il porto se non sussistono queste condizioni, come è vietato il porto di qualsiasi altro attrezzo da punta o da taglio.



ATTREZZI SPORTIVI DA LANCIO: NON OCCORRE DENUNCIARLI

Gli archi, le balestre e le fionde, sono attrezzi sportivi di libera vendita e TRASPORTO; essi possono essere usati in tutti quei luoghi privati che garantiscano la totale e massima sicurezza per terzi.

Per quanto riguarda l'arco può anche essere PORTATO e usato a scopo venatorio, ma in questo caso oltre alla Licenza di Caccia è necessario il Porto d'Armi in corso di validità (con Tassa Governativa pagata).

Per quanto riguarda il fucile subacqueo ad elastico (Arbalete) o ad aria compressa è di libera vendita, NON è di libero porto, per il suo trasporto va scaricato e in custodia.
Il suo uso (porto) è condizionato esclusivamente dietro al pagamento della licenza di pesca e nelle aree prestabilite per questo tipo di pesca, è vietato usare il fucile subacqueo con l'uso di bombole, è consentito solamente in apnea .




DISPOSITIVI DI AUTODIFESA

SPRAY ANTIAGGRESSIONE: NON OCCORRE DENUNCIARLI
Gli Spray al Peperoncino Antiaggressione sono dispositivi da difesa personale dei quali è consentito anche il PORTO; sancito dalla Legge 496/95 e certificati dal Ministero dell'Interno servizio di Polizia Scentifica - Protocollo n°1-077 - BAL 04; come ad esempio il TW 1000.






Nel Mirino non aderisce a campagne pubblicitarie e non ha alcun interesse a far comparire sul tuo browser banner pubblicitari e pop-up automatici; se ne vedi, sappi che non è per nostra volontà.
Blocca la pubblicità sul tuo browser
Non sai come eliminare qualsiasi pubblicità automatica dal tuo browser? Scoprilo cliccando sul lucchetto.




                                                                                                      Sito aggiornato a